• Singles

    MARACAIBO
    Latin dance – blues dance – blues
    In the eighties Lu Colombo focused on dance music. Her work in this period included songs like “Skipper”, a minimalist english spoken piece that has very often been played in discos, “Dance all nite”, “Maracaibo” and “Aurora”, which have acoustic arrangements, an uncommon choice for dance music at that time.
    Lu participated in three Festivalbar editions.
    The eighties adventure ends with the song “Rimini-Ougadougou”, reproduced in the album “L’uovo di Colombo” which won the Saint-Vincent Festival in 1985. The song Maracaibo is part of the soundtrack of the movie “Terraferma” by Emanuele Crialese, special prize at the Venezia film festival 2011.

    MARACAIBO

    maracaibo balla al barracuda si ma balla nuda zaza

    si ma le machine pistole si ma le mitragliere
    era una copertura faceva il traffico d’armi con cuba
    innamorata si ma di miguel ma miguel non c’era
    era in cordigliera da mattina a sera

    si ma c’era pedro con la verde luna
    l’abbracciava sulle casse sulle casse di nitroglicerina
    torno’ miguel torno’ la vide impallidi’
    il cuore suo tremo’ quattro colpi di pistola le sparo’

    maracaibo mare forza nove fuggire siu ma dove zaza

    l’albero spezzato una pinna nera
    nella notte scura come una bandiera
    morde il pescecane nella pelle bruna
    una zanna bianca come la luna

    maracaibo finito il barracuda finito ballar nuda zaza

    un gran salotto ventitre’ mulatte
    danzan come matte casa di piaceri per stranieri
    centotrentachili splendida regina
    rhum e cocaina zaza

    se sarai cortese ti fara’ vedere
    nella pelle bruna una zanna bianca come la luna

    MARACAIBO

    maracaibo balla al barracuda si ma balla nuda zaza

    si ma le machine pistole si ma le mitragliere
    era una copertura faceva il traffico d’armi con cuba
    innamorata si ma di miguel ma miguel non c’era
    era in cordigliera da mattina a sera

    si ma c’era pedro con la verde luna
    l’abbracciava sulle casse sulle casse di nitroglicerina
    torno’ miguel torno’ la vide impallidi’
    il cuore suo tremo’ quattro colpi di pistola le sparo’

    maracaibo mare forza nove fuggire siu ma dove zaza

    l’albero spezzato una pinna nera
    nella notte scura come una bandiera
    morde il pescecane nella pelle bruna
    una zanna bianca come la luna

    maracaibo finito il barracuda finito ballar nuda zaza

    un gran salotto ventitre’ mulatte
    danzan come matte casa di piaceri per stranieri
    centotrentachili splendida regina
    rhum e cocaina zaza

    se sarai cortese ti fara’ vedere
    nella pelle bruna una zanna bianca come la luna